Piano Nazionale Scuola Digitale

Incontro sulle implicazioni didattiche della realtà aumentata

Nell'ambito del PNSD, il team digitale dell’Istituto “Tullia Zevi” ha organizzato per il giorno 20 marzo, alle ore 16,30, presso il plesso di Largo Herzl, un incontro-lezione con il Dott. P. Russo, dell'Associazione Stati Generali dell'Innovazione, in cui sarà illustrato l'utilizzo della realtà aumentata e le possibili implicazioni didattiche.

Questo incontro sarà il punto di partenza per comprendere le potenzialità e i possibili sviluppi della realtà aumentata, per condividere quanto da già esplorato in altri ambiti, e per realizzare nuovi percorsi didattici in modo rinnovato.

Qualche informazione

Realtà aumentata e SW Aurasma

Ogni giorno siamo abituati a consultare informazioni, fruire di contenuti multimediali, scrivere messaggi, guardare video. Tali azioni vengono svolte naturalmente, è sufficiente disporre di dispositivi ben equipaggiati (tablet o smartphone) che permettano di visualizzare parole, immagini o filmati e di interagire tramite tastiera, mouse o display touchscreen, o anche comandi vocali.

Le tecnologie legate alla realtà aumentata sono l’evoluzione di tale agire, soprattutto per quanto riguarda la visione di dati e informazioni che vengono sovrapposte al mondo che ci circonda, per esempio ad immagini e a oggetti, costringendo l’utente a guardare la realtà tramite un supporto visivo. Per realtà aumentata (o realtà mediata dall'elaboratore, in inglese augmented reality, abbreviato "AR"), si intende l'arricchimento della percezione sensoriale umana mediante informazioni, in genere manipolate e convogliate elettronicamente, che non sarebbero percepibili con i cinque sensi (vedi il testo di V. Di Bari, P. Magrassi, 2015 weekend nel futuro, Edizioni Il Sole 24 Ore, 2005).

La realtà aumentata che andremo a sperimentare vedrà l’utilizzo dell’app per dispositivi mobili Aurasma, un’applicazione che combina la realtà virtuale con oggetti reali, rendendoli anch'essi multimediali.

 

 

 

Evento “Più consapevoli, più sicuri in rete (e non solo)”

Locandina "Più consapevoli, più sicuri in rete (e non solo)"

L'Istituto Comprensivo "Tullia Zevi”, nell'ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale, in collaborazione con l'associazione LibreItalia, organizza attività laboratoriali rivolte a genitori, docenti e alunni, sui temi della sicurezza in rete e l'utilizzo del software libero.

I laboratori si terranno presso la sede del Plesso di Largo Herzl, 51, il 18 marzo dalle 10,00 alle 13,00

Per ragioni organizzative si chiede la registrazione ai laboratori, compilando entro il 5 marzo, i moduli online predisposti, che trovate qui di seguito in elenco:

1 – Pensa, prima di postare pensa.

https://goo.gl/forms/N6azecCkssuzM1vi1

 

2 - Social e dintorni: c'è bisogno da fare da guida.

https://goo.gl/forms/U4zZoAFcwVD9lhxs1

 

3 – Instagram e dintorni: istruzioni per l'uso

https://goo.gl/forms/DQE7NtB7BUWU8Shk1

 

4 -  Manuale di sopravvivenza ai gruppi di Whatsapp 

https://goo.gl/forms/qwxeeVHOC0GGTf6W2

 


 

Commento ai risultati relativi all’autovalutazione delle competenze digitali basata sul framework DigComp

Premessa

Come previsto dal Piano interno per l’attuazione del Piano Nazionale Scuola Digitale, l’I.C. Tullia Zevi ha somministrato ai propri docenti un questionario innovativo per la rilevazione dei bisogni formativi in ambito di competenze digitali, sulla base del framework europeo Digcomp, ormai riferimento comune a livello internazionale.

Per l'elaborazione del questionario di autovalutazione delle competenze digitali, predisposto dal nostro Istituto, sono stati utilizzati i seguenti documenti:

  • questionario per i docenti realizzato dal Ministero dell’Istruzione spagnolo (basato a sua volta su Digcomp 1.0);
  • versione Digcomp 2.0-fase 1;
  • traduzioni disponibili in rete a cura di Anusca Ferrari (partecipante al progetto europeo Digcomp) e Sandra Troia (oggi USR Puglia).

Partecipanti

Molto alto il numero di coloro che hanno partecipato alla rilevazione (91) con buona distribuzione tra i tre ordini di scuole e prevalenza della primaria (51).

Sui dati, influisce certamente l’età media dei partecipanti: il 49% ha oltre 47 anni, di cui il 15% oltre 57.

Osservazioni di carattere generale

Le autovalutazioni sono abbastanza articolate rispetto alle diverse aree di competenza e anche rispetto alle specifiche competenze, per cui l’affidabilità dei risultati è da considerarsi buona. Elemento importante, questo, sia per l’identificazione delle azioni formative conseguenti sia per valutare positivamente la generale attenzione al tema (si trattava comunque di rispondere a una ventina di domande).

Dalle risposte si rileva una maggiore presenza di esigenze di interventi formativi nelle aree innovative della Comunicazione in rete, Creazione di contenuti digitali e Problem Solving, alle quali si aggiunge la Protezione dei dati personali e della privacy (la cui correlata competenza è direttamente legata al contrasto del fenomeno del cyberbullismo e delle frodi in rete): aree in cui è più elevata anche la richiesta di nuovi approcci per incontrare le esigenze degli studenti.

La prima analisi dei dati, in corso di completamento, permette di definire un piano di formazione che sarà avviato già nel mese di febbraio.

Roma 2 febbraio 2017

Dal link si apre il questionario, così come lo abbiamo utilizzato nella nostra esperienza, e lo lasciamo disponibile per le scuole che volessero utilizzarlo. 

Qui il questionario

 


 Team PNSD

Personale scolastico individuato per il PNSD:

Animatore Digitale:  M. D. Corallo

Team docenti per l'innovazione digitale: F. Menenti, M. Reddavide, V. Terrasi

Assistenti amministrativi: V. Abbruzzino

Assistente tecnico: S. Mongardini

 


 

Istituzione sportello digitale

Nell’ambito delle azioni attuative del PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale), a partire dal mese di gennaio, verrà istituito uno “Sportello Digitale” per venire incontro alle difficoltà che i docenti incontrano nell’implementazione di nuove tecnologie e/o metodologie didattiche.

Lo “Sportello digitale” proposto sarà tenuto, su prenotazione, dall’Animatore Digitale e/o dai membri del Team dell’Innovazione a vantaggio dei colleghi della scuola.

Lo scopo è quello di fornire supporto ai docenti che intendono avviare percorsi di didattica innovativa e/o digitale e necessitino in particolare di supporto sulla scelta del sw e di strumenti finalizzati alla realizzazione di oggetti d'apprendimento digitale o di superare difficoltà organizzative e tecniche, in particolare:

- supportare tutti coloro che desiderano intraprendere percorsi digitali legati alla didattica;

- aiutare nelle difficoltà legate alla gestione dei principali software e/o dei mezzi presenti nei laboratori;

- fornire indicazioni nella scelta di percorsi digitali compensativi per una didattica inclusiva;

- condividere materiali e buone pratiche.

 Caratteristiche e scopo dello “Sportello Digitale”

Lo sportello sarà prenotabile da singoli docenti o piccoli gruppi (4/5 persone) con le stesse necessità, in modo da offrire un supporto personalizzato e laboratoriale.

La prenotazione deve essere effettuata almeno la settimana precedente.

I temi richiedibili dovranno essere specificati nella prenotazione e saranno relativi all'utilizzo di software didattici di uso comune e alla gestione di piattaforme didattiche ed istituzionali e/o ai materiali predisposti sul wiki dedicato, di cui riceverete credenziali personali tramite email.

Gli interventi pari o superiori a due unità orarie saranno valutati come formazione interna.

Il team digitale organizza lo sportello digitale nei seguenti giorni:

martedì dalle 10,20 alle 12,20

giovedì dalle 12,20 alle 14,20

lunedì dalle 14,45 alle 16,45

La richiesta deve essere rivolta al team tramite il seguente indirizzo, indicando il tipo di richiesta:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 Brochure del Ministero per il Piano Nazionale Scuola Digitale 


 

AVVISO: Selezione docenti formazione PNSD

In allegato l'avviso di selezione dei docenti per la formazione del Piano Nazionale Scuola Digitale.


 

   Il Piano triennale di intervento per il Piano Nazionale Scuola Digitale dell'IC Tullia Zevi per gli aa.ss 2015-2019

I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo